in camper a la gomera alla scoperta del miele di palma ad Alojera

Alojera | Spiaggia, cultura e miele di palma a La Gomera

Alojera è la destinazione ideale per chi vuole conoscere meglio il prodotto simbolo della cucina dell’isola de La Gomera, il miele di palma. Un alimento ricco e gustoso che attraverso un lungo e complesso processo, rimasto invariato dai tempi degli aborigeni Guanche, si ottiene dalla linfa della palma Canaria.

Chi visita La Gomera può assaggiare questo dolce succo dorato, da sempre chiamato miele quando in realtà è più simile ad uno sciroppo, su dolci tipici come Il Frangollo e la Leche asada, in accompagnamento a formaggi, carni e in varie bibite e salse. Il miele di palma è inoltre un rimedio naturale contro raffreddore e mal di gola, utilizzato ancora oggi dagli abitanti de La Gomera.

Alojera | La meta perfetta per scoprire il miele di palma a La Gomera

Una tappa imperdibile per conoscere meglio le origini di questo prodotto, ed il legame tra gli abitanti di questa isola e l’albero di palma, è il delizioso paesino di Alojera. Qui si trova il Museo del miele di palma, e nei terreni che lo circondano puoi vedere con i tuoi occhi come si estrae la linfa, il “guarapo“, che poi si trasforma in miele di palma.

A completare la tua visita ti aspetta una spiaggia di sabbia nera protetta da altissime scogliere, e per il camperista che vuole passare la notte qui ho ben due posizioni da proporre!

spiaggia di sabbia nera e ciottoli di Alojera e la maciata di case bianche sulla costa
Spiaggia di Alojera

Come arrivare ad Alojera e alla sua spiaggia nera

Alojera è un “pueblo costero” di circa 400 anime ubicato nel nord-ovest dell’isola, nel comune di Vallehermoso.

Per raggiungerlo si segue una strada che attraversa vallate verdi ricoperte di alte palme Canarie, che aumentano in numero più ci si avvicina al centro abitato. La vista dell’oceano non ti abbandonerà mai, e per poterti bagnare nelle sue acque devi seguire una stradina tortuosa che dal paese arriva sulla costa.

Playa de Alojera

Una striscia di sabbia nera e ciottoli lunga 200 metri, protetta da imponenti scogliere. Le acque solitamente tranquille sono perfette se vuoi farti un bagno, e per i più piccoli c’è una piscina naturale. Questa spiaggia è molto tranquilla e mai affollata, ed ideale per ammirare un magnifico tramonto a fine giornata.

scogliera a ridosso della spiaggia di alojera dove si produce il miele di palma La gomera
La scogliera che protegge la spiaggia di Alojera

Fronte mare si trovano una manciata di case bianche ed un ristorante dove assaggiare piatti locali o a base di pesce fresco, il Ristorante Prisma.

Quando siamo stati noi, ad inizio 2021, si stavano svolgendo dei lavori di ristrutturazione della passeggiata lungomare e di alcune case disabitate e fatiscenti. Ad essere sincera, la spiaggia di per sé non ci ha particolarmente colpiti. Siamo rimasti più affascinati dalle maestose scogliere e dalla vista che si gode dal mirador di Alojera. Se ti piace camminare ci sono diversi sentieri che partono dal paese.

un viaggio nella cultura di La Gomera nel museo del miele di Palma

La “Casa de la miel de palma” si trova all’entrata del paese. Una casetta colorata che ospita il museo che racconta dell’importante ruolo della palma Canaria nell’isola di La Gomera
Al suo interno puoi conoscere in dettaglio tutti i passaggi necessari per la produzione del miele di palma.
Nella foto puoi apprezzare il Museo ed i terreni coltivati con palme che lo circondano. Cosa ci fa una scala appoggiata al tronco? Continua a leggere e te lo spiego!

terreno coltivato con palme e sullo sfondo la casa che ospita il museo del miele di palma di La gomera

come si ottiene il famoso miele di palma a La Gomera

replica di tronco di palma per mostrare come si incide la gemma interna per raccogliere la linfa dell'albero Tutto ha inizio con l’estrazione della linfa (guarapo) dall’albero, compito dei coraggiosi “guaraperos” che si arrampicano fino alla cima per incidere la gemma del centro del tronco, che durante tutta la notte “sanguina” il prezioso liquido dentro a secchi appesi (vedi foto)

I secchi vengono raccolti alle prime luci dell’alba, per evitare che il sole danneggi la linfa (savia). Dopo essere stato filtrato dalle impurità, il liquido viene messo sul fuoco per diverse ore fino a farlo diventare della stessa densità e colore del caramello.
Una tecnica di lavorazione rimasta invariata nei secoli, e che non danneggia l’albero.

All’interno del museo è possibile degustare il miele di palma oppure il Gomeron, un liquore digestivo a base dello stesso. Tutto alla modica cifra di 1€! Quando ho assaggiato il miele di palma la prima volta mi ha subito ricordato lo sciroppo d’acero, per me una vera delizia!

Il museo non si occupa solo di farti conoscere il simbolo gastronomico dell’isola, ma bensì il ruolo fondamentale della palma nella vita quotidiana, degli abitanti de la Gomera. Perché della palma non si butta via niente! Dalle foglie utilizzate per la cesteria, fino alle radici dalle quali si otteneva una fibra che si utilizzava nel creare le suole delle calzature tradizionali “alpargatas”.

Orari di apertura al pubblico “Casa de la miel de Palma”

Il museo apre dalle 10 alle 17:30, dal mercoledì al sabato. L’entrata è gratuita. Il museo ospita anche una esposizione di artisti locali, se vuoi sapere di più puoi visitare il sito ufficiale del museo.

Vuoi comprare il miele di palma prodotto a La Gomera? Lo puoi fare nel museo, ma anche nei supermercati e bar del paese.

vaasetto di miele di palma di La Gomera

Sosta libera in camper ad Alojera

Come ti dicevo all’inizio, ho due location da proporti!

Sosta libera nel centro del paese, vicino alla spiaggia di Alojera

a 5 minuti dal Museo del miele di palma e circa 10 di camminata dalla spiaggia. Il mio consiglio è di non arrivare in camper fino alla spiaggia perché ci sono davvero poche opzioni di parcheggio.

camper in sosta libera vicino alla spiaggia di alojera a La Gomera
Sosta libera affacciata sulla spiaggia di Alojera

Noi abbiamo optato per un largo spiazzo sterrato poco prima della stradina tortuosa che scende sulla costa. Da qui puoi godere di una bellissima vista delle scogliere e dell’oceano.

Segui queste indicazioni per arrivare:

GOOGLE MAPS PLUS CODE 5M88+3R Alojera
COORDINATE 28.1652479, -17.3329751

Sosta libera con vista da cartolina del paese di Alojera

Se vuoi apprezzare una vista pittoresca del piccolo paesino sull’oceano, e poi camminare tra le terrazze coltivate nascoste tra le valli verdi, il posto in cui devi recarti è… il Cimitero San Jose di Alojera!

All’arrivo trovi un grande spiazzo, e poi una strada sterrata che scende fino alla costa attraversando campi coltivati e burroni. La gente del posto percorre in auto questa stradina, ma in camper non te lo consiglio assolutamente!

camper su una vallata verde con vista sull'oceano di La Gomera
Sosta libera nei paraggi del cimitero…con la miglior vista di Alojera.

Fermati appena dopo il cimitero, dove finisce la strada asfaltata. Noi abbiamo speso un paio di notti tranquille qui, vicino ad un laghetto artificiale per la raccolta dell’acqua piovana dove delle anatrelle nuotavano beate.

Unico dettaglio di questa location è la scarsissima copertura, praticamente non potevamo utilizzare internet.

Per arrivare segui queste indicazioni:

GOOGLE MAPS PLUS CODE 5M8H+FW Vallehermoso
COORDINATE 28.1664474, -17.3203892

Alojera è stata una destinazione non programmata durante la nostra permanenza sull’isola, e sono stata veramente felice di averla scoperta. La visita al Museo è stata un piacevole viaggio nel passato, le tradizioni e la cultura di La Gomera. Un piccolo Museo, che mi ha insegnato davvero molto.

vista dall'alto del paesino costiero di Alojera dove si produce il miele di palma di la gomera
Vista dall’alto del paesino di Alojera

In camper abbiamo apprezzato la tranquillità ed i paesaggi fuori dalla porta, all’insegna del verde e dell’azzurro del cielo limpido e l’oceano immenso.
Se vuoi scoprire altri posti magnifici a La Gomera, soprattutto se viaggi in camper, leggi questo articolo

Per qualsiasi cosa mi trovi nei commenti. Se ritieni che questo articolo possa essere utile ad altri viaggiatori e camperisti, condividilo sui social! E’ un grande supporto per il blog e la creazione di contenuti come questo. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *